HOME PROGRAMMA ELETTORALE / Ladispoli Riparte
 3. LADISPOLI RIPARTE

3.1 TURISMO, LAVORO, SVILUPPO ECONOMICO

L'amministrazione comunale ha l'importante compito di accompagnare la ripartenza dell'economia locale, fortemente colpita dalla crisi socio-economica causata dall'emergenza sanitaria.
Lo faremo continuando ad investire sulla nostra risorsa più preziosa: il mare.
Ladispoli è una località a vocazione turistica e, in quanto tale, deve essere in grado di accogliere visitatori e turisti. Con la variante per l'individuazione di aree per il turismo all'aria aperta abbiamo gettato le basi per una svolta epocale nel settore della ricettività, dotando la città di 30 ettari in cui poter sviluppare, nel rispetto della legalità e dell'ambiente, villaggi turistici, campeggi e aree sosta camper.
In questo ambito ci impegniamo a proseguire il percorso intrapreso, accompagnando le imprese e fornendo loro tutto il supporto tecnico necessario.
Abbiamo inoltre avviato le procedure per la realizzazione di due nuove strutture alberghiere, che ci impegniamo a portare a termine per potenziare l'offerta del settore.
Parallelamente continueremo a sviluppare e ad incentivare il turismo legato al mare e alla spiaggia promuovendo una politica concretamente collaborativa con le imprese turistico-balneari, alle quali forniremo ogni possibile aiuto, compreso il pieno sostegno in un eventuale iter regionale che, a fronte di un investimento importante sul territorio, possa rilasciare una concessione pluriennale per consentire l'ammortamento di quanto investito, così come previsto dalla normativa di riferimento.
Auspichiamo, peraltro, che ciò possa essere sostenuto non dal singolo imprenditore, ma congiuntamente da tutti gli stabilimenti balneari, così che si possa operare una vera e propria ristrutturazione del lungomare da cui traggano beneficio le imprese e la città.
Lavoreremo per completare la procedura di approvazione del Piano di Utilizzazione degli Arenili (PUA), uno strumento pianificatorio e di indirizzo che consentirà alla città e alle imprese di settore di implementare i servizi e l'offerta turistica nella direzione della sostenibilità, della riqualificazione e dell'inclusione.
Il Piano prevede inoltre passeggiate archeologiche che uniranno Marina di Palo con San Nicola e due nuove concessioni, una dedicata alle attività sportive ed un'altra attraverso la quale intendiamo garantire una reale possibilità di interazione con il mare anche per le disabilità più gravi.
Tra le tante novità introdotte attraverso il PUA segnaliamo la previsione di una concessione specificamente rivolta alla pesca artigianale, attraverso la quale sarà possibile creare un vero e proprio villaggio dei pescatori in cui valorizzare la nostra storia e le nostre radici.
Con l'approvazione del Piano di Utilizzazione degli Arenili puntiamo alla riqualificazione e alla riconversione delle strutture balneari oggi esistenti sul demanio marittimo, per consentire a Ladispoli di avere una costa più fruibile e senza cemento.
Ci impegniamo inoltre ad attivare un piano strategico di “marketing turistico” strutturato da professionisti qualificati, per disporre in breve tempo di un piano concreto che valorizzi le nostre potenzialità legate al mare, alle bellezze naturali e alle eccellenze del settore enogastronomico, sfruttando al massimo la posizione strategica della nostra città.
A tal proposito sarà fondamentale avviare un tavolo di confronto con tutti i rappresentanti delle associazioni di categoria del territorio affinché imprenditori, commercianti, operatori balneari, agricoltori e artigiani possano suggerire gli interventi necessari per creare nuove opportunità di crescita nei settori di appartenenza.
Sarà inoltre fondamentale proseguire nel percorso, già avviato, di destagionalizzazione turistica, puntando sulla diversificazione dell'offerta anche nei periodi di bassa stagione (turismo sportivo, eventi culturali, manifestazioni enogastronomiche, turismo naturalistico).
Siamo pronti a lavorare sulla realizzazione di un approdo turistico nella nostra città, nella convinzione che possa essere un importante volano per rilanciare l'economia cittadina. L'indotto generato andrebbe infatti a creare numerose opportunità nel settore della nautica (manutenzioni, impiantistica di bordo, mercato del nuovo e dell’usato, attività sportive legate al mare e noleggio delle imbarcazioni), con prevedibili ricadute positive per tutte le attività commerciali e per la creazione di nuovi posti di lavoro.

3.2 AGRICOLTURA

Il comparto agricolo rappresenta un'eccellenza del nostro Comune e, in quanto tale, intendiamo continuare a valorizzarlo.
Tale impegno passa per la salvaguardia delle aree a vocazione agricola del nostro territorio, la promozione dei prodotti locali, il coinvolgimento delle nuove generazioni e attraverso una sempre maggiore interconnessione con il settore turistico.

Le nostre proposte:

- Promuovere il km 0 creando degli spazi di vendita diretta per i produttori locali nei diversi quartieri della città;
- Garantire il giusto spazio alla produzione locale in tutte le manifestazioni, culturali e di intrattenimento, organizzate o patrocinate dal Comune;
- Incentivare l’esercizio di attività complementari all'agricoltura (agriturismo, attività ludiche e sportive, ricettività, artigianato, allevamento);
- Istituire gli orti urbani, sia in aree di proprietà comunale che su terreni incolti di privati. Per coloro che metteranno a disposizione gratuitamente la propria terra ipotizzeremo delle agevolazioni di natura fiscale. Coinvolgeremo in questo progetto le realtà del terzo settore che sostengono le famiglie in difficoltà e gli istituti scolastici;
- Supportare i giovani che intendono avviare un'attività legata all'agricoltura, usufruendo delle possibilità di finanziamento offerte dalla Comunità Europea o da altri enti pubblici;
- Censire le attività agricole del territorio e pianificare, in collaborazione con quest'ultime, delle iniziative volte all'esaltazione dei prodotti locali, carciofo IGP in primis;
- Rilanciare il mercato giornaliero di Via Ancona, dove oltre alla commercializzazione dei prodotti locali vogliamo consentire la somministrazione degli stessi, trasformando questo luogo in un polo di attrazione dove poter degustare piatti tipici ed organizzare eventi di promozione del territorio.

3.3 CULTURA

Investire nella cultura continuerà ad essere una delle priorità della nostra amministrazione.
Con l'apertura del Cine-Teatro Massimo Freccia Ladispoli tornerà finalmente ad avere un cinema (multisala) e soprattutto potrà contare su un teatro da 350 posti.
Non smetteremo mai di promuovere e sostenere iniziative culturali di ogni genere che possano essere un momento di aggregazione, di dialogo e di crescita, sia individuale che collettiva, ma anche uno strumento per lo sviluppo turistico ed economico della città.
Continueremo a collaborare con le numerose realtà associative del territorio che offrono ai giovani e ai meno giovani la possibilità di esprimersi e di coltivare le proprie passioni. A quest'ultime non faremo mai mancare il nostro sostegno, concedendo spazi e collaborando nella realizzazione di manifestazioni ed eventi per l'esaltazione di tutte le forme d'arte.

Le nostre proposte:

- Apertura del Cine-Teatro Massimo Freccia: sala principale di 350 posti dedicata al cinema e al teatro e seconda sala di 140 posti dedicata al cinema;
- Continuare nel processo di crescita e valorizzazione del Centro di Arte e Cultura, il fulcro delle attività culturali della città;
- Realizzare un Museo civico cittadino, con particolare riferimento al mare e alla tradizione agricola del nostro territorio, all'interno del Castellaccio dei Monteroni;
- Favorire la realizzazione di eventi e manifestazioni in tutti i quartieri;
- Promuovere le feste laiche e religiose proprie della tradizione locale;
- Confermare la centralità della Sagra del Carciofo come evento principale di promozione cittadina, affiancandola ad una serie di eventi realizzati in collaborazione con la Pro Loco;
- Patrocinare e sostenere gli eventi organizzati dalle associazioni locali;
- Creare itinerari che tengano presenti le peculiarità del territorio (archeologiche, naturalistiche, enogastronomiche, ecc.) e che favoriscano lo sviluppo del turismo culturale;
- Mettere a disposizione degli artisti locali una sala espositiva dove organizzare mostre singole e collettive.

3.4 PATRIMONIO STORICO E ARCHEOLOGICO

La valorizzazione del patrimonio storico e archeologico è determinante per il rilancio culturale e turistico del nostro territorio. Grazie al restauro e alla funzionalizzazione di Torre Flavia e del Castellaccio dei Monteroni potremo finalmente rendere fruibili due luoghi simbolo di Ladispoli, che diventeranno importanti poli culturali nonché centri di aggregazione per la cittadinanza.

Tra i nostri obiettivi:

- Restauro e funzionalizzazione di Torre Flavia;
- Restauro e funzionalizzazione del Castellaccio dei Monteroni;
- Proporre ai proprietari del Castello Odescalchi e della Posta Vecchia una convenzione per rendere visitabili i siti ed inserirli nei circuiti del turismo culturale;
- Creazione di un itinerario archeologico cittadino che comprenda tutti i siti presenti nel nostro Comune, predisponendo una mappa/guida da poter scaricare dal sito dell'Ente;
- Promuovere la conoscenza della storia e del patrimonio archeologico del nostro territorio presso scuole di ogni ordine e grado;
- Calendarizzare manifestazioni di vario genere al fine di promuovere i siti di interesse storico e archeologico presenti a Ladispoli;
- Collaborare con gli altri Comuni dell'Etruria Meridionale per promuovere l'immagine del comprensorio attraverso l'esaltazione delle sue bellezze archeologiche, artistiche, storiche e naturalistiche, anche e soprattutto in chiave turistica;
- Predisporre pannelli didattico-informativi nelle aree archeologiche per favorire la visita e la comprensione dei luoghi;
- Restauro e predisposizione di una adeguata copertura del mosaico sul lungomare Marina di Palo per evitarne l’ulteriore deterioramento.

3.5 SPORT

Con la realizzazione del Palazzetto dello Sport abbiamo finalmente costruito la casa di tutti gli sportivi di Ladispoli.
Potenziare l'impiantistica sportiva continuerà ad essere un obiettivo prioritario, con particolare riferimento alla realizzazione di una pista di atletica con annesso campo da rugby e l'allestimento di percorsi vita e di aree fitness gratuite nei parchi pubblici.
Con il progetto “Ladis-Poli Poli-Sport” intendiamo realizzare un centro sportivo polivalente nel quartiere Cerreto, che abbia anche la funzione di polo di aggregazione per giovani e anziani, dove poter praticare basket, pallavolo, tennis, skateboard, padel, atletica e altre attività legate al benessere psicofisico.
Ci impegniamo a incentivare e promuovere la pratica sportiva in tutte le sue forme, affinché lo sport sia un diritto per tutti, mettendo a disposizione spazi e impianti attrezzati e collaborando in stretta sinergia con le associazioni sportive locali.

Le nostre proposte:

- Attivazione di una stretta collaborazione con tutte le realtà presenti sul territorio per l'organizzazione di eventi e manifestazioni, anche di rilevanza nazionale ed internazionale, che esaltino tutte le discipline sportive e che siano anche un richiamo in chiave turistica;
- Istituzione con cadenza annuale della Giornata dello sport, un momento di aggregazione sociale e di divulgazione della cultura sportiva, che dia la possibilità a tutte le associazioni che operano nel nostro Comune di farsi conoscere e far avvicinare i ragazzi alla pratica dei cosiddetti “sport minori”;
- Incentivare l'attività sportiva anche tra le persone più anziane, per favorire l’aggregazione sociale ed il benessere psicofisico, organizzando corsi gratuiti nelle aree verdi di tutti i quartieri e nei centri anziani;
- Istituzione della Consulta dello Sport, composta dai rappresentanti di tutte le associazioni sportive del territorio, con funzioni sia consultive che propositive;
- Dedicare una sezione del sito internet del Comune alle associazioni sportive locali;
- Prestare particolare attenzione e supporto logistico alle associazioni che si occupano di garantire il diritto allo sport per i portatori di handicap.